sabato 4 luglio" />

Orientoccidente 2015 : MASSIMO ZAMBONI con "L'eco di uno sparo" a Castelnuovo dei Sabbioni > sabato 4 luglio

 

SI COMINCIA A CASTELNUOVO DEI SABBIONI,
CON MASSIMO ZAMBONI,
NEL SEGNO DELLA MEMORIA

sabato 4 luglio . CASTELNUOVO DEI SABBIONI - CAVRIGLIA (AR) . MINE - Museo delle miniere - ore 21.30

 

Il Festival Orientoccidente apre la sua undicesima edizione con il ricordo e inizia il suo viaggio, com’è ormai tradizione, dal Museo delle miniere di Castelnuovo dei Sabbioni, sabato 4 luglio. E’ il giorno degli eccidi nazifascisti che infiammarono il comune di Cavriglia nel 1944. Orientoccidente, per l‘occasione, propone un racconto molto particolare, che vuole essere anche un momento di riflessione. E’ il reading di Massimo Zambonichitarrista e compositore della mitica band punk rock italiana CCCP e poi degli altrettanto fondamentali CSI, tratto dal suo nuovo libro “L’eco di uno sparo", pubbicato da Einaudi. E’ anche un concerto dove alla parola scritta e recitata viene abbinata una parte musicale: un “cantico delle creature emiliane”. E' la guerra appena finita in una storia familiare. Massimo Zamboni fa i conti con l’assassinio del nonno fascista da parte dei Gap, è la storia di Ulisse e "dei suoi sparatori che si spararono tra loro". Si ripercorre una vicenda intrisa di sangue e di contraddizioni della terra emiliana "dove ogni sparo da precedenti spari è generato e a sua volta genera spari successivi". E’ la Liberazione che fu anche inevitabile guerra civile. 

Cosí è per chi cerca di capire le ragioni del sangue, quando il sangue degli oppressori si mescola a quello degli oppressi. La terra emiliana – terra contadina, di utopie socialiste, di vacche in salute – grida forte. E l’eco degli spari accompagna Massimo Zamboni nella sua indagine attraverso il tempo: quando legge i documenti della polizia partigiana nel modesto archivio parrocchiale di campagna, quando va a trovare i parenti superstiti sulle colline reggiane, quando visita la casa dei fratelli Cervi – sette, come sette erano i fratelli del bisnonno Massimo. Perché la memoria va trasmessa, e «tocca ai nipoti tramandare, sottraendo ai genitori un compito che non avrebbero potuto svolgere con giustezza».  Una storia che chiedeva di essere raccontata, rimasta sepolta insieme alle tante storie rimosse di questo paese. Un libro sofferto, inconsueto, che è insieme una presa d’atto, un amaro bilancio e una terrestre ballata incantatrice.

La parte musicale è cuata dallo stesso Zamboni e vede la partecipazione di due importanti musicisti: Emanuele Reverberi (Giardini di Mirò, Bandadiquartiere, al violino e tastiere) e Cristiano Roversi (Moongarden ed etichetta Aratro al basso e allo Stick)
.

Prima del concerto il sindaco Leonardo Degli Innocenti O Sanni consegnerà la Costituzione della Repubblica Italiana a tutti i neomaggiorenni del comune di Cavriglia. L’ingresso è gratuito.


* l’undicesima edizione del festival Orientoccidente continua con la rassegna di film in pellicola “La nostra memoria inquieta” (tutti i linedì fino al 3 agosto a San Giovanni Valdarno) e poi con l’ensemble NOTE NOIRE mercoledì 8 luglio a Loro Ciuffenna in piazza Matteotti; l’incontro con FRANCO CARDINI con il suo libro “Il grande blu” venerdì 10 luglio a Figline Valdarno al Centro Perlamora (Località Pavelli) per il Perlamora Festival; il ricordo dell’eccidio di Srebrenica sabato 11 luglio a San Giovanni Valdarno in piazza Cavour alle ore 17 (in collaborazione con il Comitato Non Dimenticare Srebrenica); mentre per il 70° della Liberazione il reading di GIANCARLO BARZAGLI “Grune Linie”, progetto fotografico convivio musica parole resistenti autoprodotte, verrà  proposto domenica 12 luglio a Bucine al Circolo Arci (dalle ore 19, in collaborazione con l’ARCI di Bucine e GASARCI)

————————————————————————————————————————————

 

* ORIENTOCCIDENTE 2015
Orientoccidente è realizzato da Regione Toscana e Provincia di Arezzo 
e dai comuni di Montevarchi, San Giovanni Valdarno, Terranuova Bracciolini, Cavriglia, 
Bucine, Loro Ciuffenna, Reggello, Pergine Valdarno, Castelfranco Piandiscò.
E’ prodotto da Materiali Sonori. 
Il progetto è di Giampiero Bigazzi ed è una sezione del Link Festival. 

con il sostegno di UNICOOP FIRENZE - sezione soci Montevarchi, San Giovanni Valdarno, Figline Valdarno/Rignano sull’Arno
PUBLIACQUA - BANCA DEL VALDARNO CREDITO COOPERATIVO - ESTRA COINGAS - I.V.V. - La CASTELNUOVESE

ORIENTOCCIDENTE NETWORK
Traiana Summer Fest Terranuova Bracciolini -  Perlamora Festival Incisa Figline Valdarno - Slow Folk 7 2015 Valdarno

Orientoccidente sostiene i progetti della Fondazione Il cuore si scioglie e la campagna “Di che pasta sei?” dell’Associazione Libera.

impianti audio e luci : Music Factory Live

Materiali Sonori 
info : 055.9120363 - 055.943888
ufficio stampa : 055.9120363 – 349.6159643 
www.materialisonori.it

EVENTI & CONCERTI
  • 17 novembre 2018

    STEFANO CORSI (WHISKY TRAIL) & GIAMPIERO BIGAZZI

    "San Frediano, una storia irlandese"
    FIRENZE . Teatro del Borgo (via di S.Bartolo a Cintoia, 97) 
  • 21 novembre 2018

    IMMERGE SAN FREDIANO

    Mostra fotrografica. Proiezione e dibattito. Concerto e festa di fine residenze.
    FIRENZE . Sala Ex-Leopoldine . Piazza Tasso
  • 1 dicembre 2018

    Michele Marini OrganicTrio

    REGGIO EMILIA . Craftsman Jazz Club 
  • 1 dicembre 2018

    DAVID RIONDINO & GIAMPIERO BIGAZZI

    “Il ‘68 o giù di lì”, gli anni intorno alla ribellione...
    LATERINA . Auditorium Comunale 
  • 14 febbraio 2019

    BANDAGABER

    con Simone Baldini Tosi (voce), Luca Ravagni (Sax/Synth), Gianni Martini (chitarra), Luigi Campoccia (Piano/Synth),
    Claudio Demattei (basso elettrico), Dado Sezzi (percussioni).
    BOLZANO . Teatro Cristallo  
  • 23 marzo 2019

    Letizia Fuochi & Francesco Frank Cusumano

    “Tra Gaber e Faber” . LATERINA (AR) . Teatro Comunale
  • 30 aprile 2019

    FAR VIAGGIARE PENSIERI E IDEE

    Best Of di CHIARA CAPPELLI & ARLO BIGAZZI
    con LORENZO BOSCUCCI & MARCO FURELLI
    Reading concerto su testi di Vladimir Majakovskij, Pier Paolo Pasolini, Vittorio Locchi, Dino Campana
    LATERINA (AR) . Teatro Coimunale