Orientoccidente 2015 > [ faber in sardegna ] un film tributo a FABRIZIO DE ANDRE' di Gianfranco Cabiddu a Pergine Valdarno > 15.07.2015

ORIENTOCCIDENTE 2015:
UN OMAGGIO AL PIU’
GRANDE CANTAUTORE ITALIANO.


mercoledì 15 luglio . PERGINE VALDARNO (AR) . piazza del Comune - ore 21.30

Musica, pensieri, aneddoti e un grande concerto saranno i protagonisti del film concerto. Faber in Sardegna è il film dalla doppia anima che unisce armoniosamente, in due ore di musica indimenticabile, il racconto del rapporto tra Fabrizio De André e un luogo speciale come l’Agnata in Sardegna, con l’ultimo memorabile concerto del cantautore genovese, ripreso dal vivo al Teatro Brancaccio di Roma nel 1998 e disponibile ora in una versione mai vista prima, restaurato e rimasterizzato in ultra HD con audio 5.1.
“Mi sembra proprio di raccontare una bellissima favola: c’era una volta, e per fortuna c’è ancora, una follia tanto tanto amata che si chiama Agnata”. Dori Ghezzi introduce così la prima delle due anime del film “Faber in Sardegna”, regia di Gianfranco Cabiddu, che alterna efficacemente passato e presente: il passato evocato dalle rare immagini d’archivio che ritraggono Faber all’Agnata, con fotografie e spezzoni di filmati familiari uniti alle testimonianze inedite di varie personalità della cultura - tra cui Renzo Piano - e della musica, così come di molti amici sardi del cantautore, che raccontano un De André privato e intimo, mettendo in luce la vita di un uomo che, smessi i panni dell’artista conosciuto da tutti, indossa quelli dell’allevatore e del contadino. Il presente, invece, va oltre il tempo, concentrandosi sulla sua musica, suonata oggi dai tanti musicisti che ogni anno all’Agnata danno vita a dei concerti unplugged. Tra questi, insieme a Cristiano De André, ci sono Morgan (autore di una commovente versione di “Canzone dell’amore perduto” al pianoforte), così come Paolo Fresu, Danilo Rea, Gianmaria Testa, Lella Costa, Maria Pia De Vito e Rita Marcotulli.
Il film sfocia, attraverso la vita di Faber (nome dato da Paolo Villaggio a De Andrè per la sua predilezione all'uso dei pastelli dall'omonima marca), nell'ultima performance dal vivo di De Andrè interamente ripresa dalle telecamere al Teatro Brancaccio di Roma, nel febbraio 1998, meno di un anno prima della sua scomparsa. Il concerto rievoca quell’atmosfera senza tempo e così speciale a cui solo Faber sapeva dar vita. Brani celebri come Crêusa de mä, Dolcenera, Khorakhané, A Cumba, Il Sogno di Maria, La città Vecchia, Anime Salve, Il testamento di Tito, Tre Madri, Via del Campo e Il Pescatore vengono introdotti da un De André emozionato di fronte al pubblico entusiasta e, allo stesso tempo, estasiato nell’ascoltare i suoi pensieri tradotti in parole e musica. Sul palco, accompagnano il cantautore alcuni straordinari musicisti, fra i quali i suoi figli: Cristiano, alla sua destra, incanta il pubblico con il violino, e Luvi, tra le voci femminili, interpreta soavemente la poesia in lingua Rom al termine di Khorakhané. Un concerto indimenticabile, rimasto nel cuore di appassionati e fan.
Un ricordo meraviglioso per chi era presente e vuole rivivere quelle emozioni, così come una straordinaria eredità per tutte le nuove generazioni, desiderose di conoscere meglio, come l’ha definito Fernanda Pivano, "il più grande poeta che l'Italia ha avuto negli ultimi 50 anni".
prodotto da Microcinema.

Trailer YouTube:
https://youtu.be/v4k379zPWGc
https://youtu.be/BOBHFc4kw1M

Foto
https://www.dropbox.com/sh/76zi878u4cqyfu8/AAAwMyxkcX1BOBY9exshzsAZa?dl=0

* l’undicesima edizione del festival Orientoccidente continua giovedì 16 luglio a Montevarchi, in piazza Varchi, il concerto acustico di CRISTIANO DE ANDRE’. Domenica 19 luglio sempre a Montevarchi, alla Ginestra, la terza settimana di Orientoccidente si conclude con lo spettacolo AUTORITRATTO - SEGNI E PAROLE DI GENTI E PAESI di Diesis Teatrango con l’Ensemble Multiculturale InAccordo. E poi mercoledì 22 luglio a San Giovanni Valdarno con lo spettacolo di Roberta Biagiarelli “A come Srebrenica” e venerdì 24 a Traiana con la Casa del vento. Mentre il 25 il ritorno di Banda Improvvisa a Reggello. Tutto questo mentre continua il Perlamora Festival al Centro Culturale Arglicolo di Perlamora a Figline Valdarno, con la direzione di Giorgio Torricelli, e la rassegna di film in pellicola La nostra memoria inquieta, tutti i lunedì a San Giovanni Valdarno, con la direzione di Alessandro Elmetti.  
EVENTI & CONCERTI
  • 16 novembre 2018

    Simone Baldini Tosi

    "Leggera Sinfonia"
    IMPRUNETA (FI) . Tatro Buondelmonti
  • 17 novembre 2018

    STEFANO CORSI (WHISKY TRAIL) & GIAMPIERO BIGAZZI

    "San Frediano, una storia irlandese"
    FIRENZE . Teatro del Borgo (via di S.Bartolo a Cintoia, 97) 
  • 21 novembre 2018

    IMMERGE SAN FREDIANO

    Mostra fotrografica. Proiezione e dibattito. Concerto e festa di fine residenze.
    FIRENZE . Sala Ex-Leopoldine . Piazza Tasso
  • 1 dicembre 2018

    Michele Marini OrganicTrio

    REGGIO EMILIA . Craftsman Jazz Club 
  • 1 dicembre 2018

    DAVID RIONDINO & GIAMPIERO BIGAZZI

    “Il ‘68 o giù di lì”, gli anni intorno alla ribellione...
    LATERINA . Auditorium Comunale 
  • 14 febbraio 2019

    BANDAGABER

    con Simone Baldini Tosi (voce), Luca Ravagni (Sax/Synth), Gianni Martini (chitarra), Luigi Campoccia (Piano/Synth),
    Claudio Demattei (basso elettrico), Dado Sezzi (percussioni).
    BOLZANO . Teatro Cristallo  
  • 23 marzo 2019

    Letizia Fuochi & Francesco Frank Cusumano

    “Tra Gaber e Faber” . LATERINA (AR) . Teatro Comunale
  • 30 aprile 2019

    FAR VIAGGIARE PENSIERI E IDEE

    Best Of di CHIARA CAPPELLI & ARLO BIGAZZI
    con LORENZO BOSCUCCI & MARCO FURELLI
    Reading concerto su testi di Vladimir Majakovskij, Pier Paolo Pasolini, Vittorio Locchi, Dino Campana
    LATERINA (AR) . Teatro Coimunale