ARLO BIGAZZI & STEFANO SALETTI - La Passione

E’ la colonna sonora di un grande evento popolare che si svolge ogni sette anni dal 1700 a Terranuova Bracciolini (AR), profonda provincia toscana, durante la Settimana Santa. Per la messa in scena, curata dalla compagnia teatrale Dritto & Rovescio, sono stati coinvolti per la realizzazione delle musiche Arlo Bigazzi e Stefano Saletti. Il disco ne raccoglie le musiche, un percorso di linguaggi e stili contemporanei con i suoni della tradizione mediterranea e medio orientale, un epico percorso che nasconde frammenti provenienti da una parte ampia del mondo, dal blues alla musica mongola, dal canto gregoriano all’ambient, al minimalismo, dove emergono, oltre ai suoni campionati, gli strumenti a corde di Saletti e i bassi di vario tipo di Bigazzi. Contaminazioni e world music di grande fascino, una musica che va oltre l’occasione che l’ha ispirata. 


=> ARLO BIGAZZI & STEFANO SALETTI, La Passione . CD Materiali Sonori . MASO CD 90171 - 8012957017125 

Le origini della “Processione di Gesù morto” a Terranuova Bracciolini (AR) si perdono nella notte dei tempi, considerando che questa sacra rappresentazione popolare appariva consolidata già nel 1797.
Per l’allestimento di quest’anno (la rappresentazione è ambientata ogni sette), la comunità terranuovese ha voluto che avesse un percosso maggiormente spirituale dal quale emergesse anche una componente artistica.
Per la messa in scena, curata dalla compagnia teatrale Dritto & Rovescio e per la regia di Riccardo Vannelli, sono stati coinvolti per la realizzazione delle musiche Arlo Bigazzi e Stefano Saletti.
L’idea musicale è nata sul progetto di contaminare linguaggi e stili contemporanei con i suoni della tradizione mediterranea e medio-orientale. Oltre a cercare emozioni che provassero a rappresentare la sofferenza di Cristo, si è tentato di creare una musica che, oltre ai suoni elettronici e gli usati strumenti tradizionali, nascondesse tra le pieghe sonore, accenni di musiche provenienti da una parte ampia del mondo: dal blues alla musica mongola, dal canto gregoriano all’ambient, al minimalismo, dove emergono, oltre ai suoni campionati, gli strumenti a corde di Saletti e i bassi di vario tipo di Bigazzi, il flauto persiano di Pejman Tadayon, il dudouk armeno di Renato Vecchio, il violino di Carlo Cossu e Letizia Bonchi, il flauto traverso di Marisa Rossi e i pregevoli vocalizzi di Barbara Eramo e Yasemin Sannino.

-------------

Stefano - Quando Arlo mi ha chiamato per chiedermi di partecipare a questo progetto, sono stato molto contento perché, dopo tanti anni che ci conoscevamo e le tante cose fatte insieme, non avevamo mai lavorato in questo modo, a quattro mani. Con Arlo c’è stato un continuo scambio di idee ed è stato bello e coinvolgente.

Arlo -
Con Stefano abbiamo un retaggio musicale simile, ma abbiamo comunque ricercato un comune modo d'esprimersi, con l’idea di contaminare vari stili musicali. Inseguendo elementi che parlassero un linguaggio inclusivo e contemporaneo ma che dessero anche forti sensazioni, visto che dovevamo raccontare la sofferenza di Cristo.

Stefano -
Abbiamo utilizzato, oltre alla componente elettronica, tanti strumenti della tradizione mediterranea e medio-orientale. Sono stati usati l’oud arabo, il saz della turchia, il tar che uno strumento persiano, il ghembrì del Nord Africa, il bouzouki che è dell’aria greco-balcanica, e poi con il duduk armeno, il flauto ney e anche il flauto traverso e al violino.

Arlo -
Il tentativo è stato quello di mantenere una certa libertà espressiva pur avendo l’obbligo di rappresentare una colonna sonora di un percosso già stabilito e dalle forti tinte teatrali. Per cui abbiamo pensato di sviluppare una ricerca sull'integrazione tra sonorità del mondo e i suoni sintetici ed elettrici. Cercando di dare l’idea, forse un po’ ambiziosa, di una musica che fosse inclusiva. Di conseguenza, abbiamo cercato di ampliare il più possibile lo spettro di timbri e strumenti, alla ricerca di una sorta di sincretismo musicale. Perciò abbiamo attinto a una buona quantità di suoni campionati e reali, ed abbiamo inseguito temi e atmosfere che rimandassero alla tradizione dell'Africa del Nord e dell'Asia.

Stefano -
Quando sono stato a Terranuova Bracciolini per la messa in scena che aveva realizzato Riccardo Vannelli, sono rimasto addirittura commosso nel vedere i vari “quadri” della Passione. Poi l’intensità dei figuranti, e anche dei cittadini, nella partecipazione a questo evento: una rappresentazione che andava a toccare le anime delle persone. Riccardo è stato bravissimo nel mettere in scena tutto questo, nel proporre un percorso che fosse allo stesso tempo spirituale e artistico. La cosa bella è proprio questo: si trattava di una rappresentazione che colpiva l’anima delle persone.

----------------------------------------------------------------------------------
Players:
STEFANO SALETTI oud. lauta. saz baglama. tar. bouzouki. santur. guembri. electric and classic guitar. e-bow. darbuka. krakeb. bodran. daf. hand percussion. piano. moog. ARLO BIGAZZI programming. fender precision. steinberger l2. eko ba-1-e. iki-bass. ns design crt. ashbury bass. washtub bass. e-bow. lap steel guitar. harmonica. CARLO COSSU violin; LETIZIA BONCHI violin; MARISA ROSSI western concert flute; YASEMIN SANNINO vocals; PEJMAN TADAYON ney; BARBARA ERAMO vocals.
-----------------------------------------------------------------------------------
  
>> buy the CD: https://materiali-sonori.myshopify.com/products/arlo-bigazzi-stefano-saletti-la-passione-cd 

>> buy on iTunes: https://itunes.apple.com/album/id1390864250 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
info:
Materiali Sonori
ph. 055.9120363
info@matson.it 
EVENTI & CONCERTI
  • 13 dicembre 2018

    Luca Brandi

    Tribae The Cascade + Tribae Soundtrack
    SAN GIOVANNI VALDARNO . Osteria Fumetti - ore 19
  • 14 dicembre 2018

    KABILA

    Presentazione del racconto di Cristiano Rossi "Un oud dietro le sbarre" (Aulino Editore), frammento dell'esperienza vissuta dalla band italo-libanese nel carcere di Roumieh, a Beirut e un piccolo show case acustico, il nuovo album "Life" (CNI/Materiali Sonori 2018).
    AREZZO . Feltrinelli Point – ore 18
  • 15 dicembre 2018

    Martinicca Boison

    One Night Reunion...
    FIRENZE
    . Buh! (via Panciatichi, 16)
  • 15 dicembre 2018

    Amore Mio Non Piangere

    FIRENZE . Caffè Le Murate – Presentazione del libro di Marco Noferi con Giampiero Bigazzi, Sergio Neri, Ettore Del Bene - ore 17.30
  • 15 dicembre 2018

    Giampiero Bigazzi

    SAN GIOVANNI VALDARNO . Teatro Masaccio – "Negli occhi tuoi", il ‘68 raccontato agli studenti di oggi – ore 10
  • 14 febbraio 2019

    BANDAGABER

    con Simone Baldini Tosi (voce), Luca Ravagni (Sax/Synth), Gianni Martini (chitarra), Luigi Campoccia (Piano/Synth),
    Claudio Demattei (basso elettrico), Dado Sezzi (percussioni).
    BOLZANO . Teatro Cristallo  
  • 23 marzo 2019

    Letizia Fuochi & Francesco Frank Cusumano

    “Tra Gaber e Faber” . LATERINA (AR) . Teatro Comunale
  • 13 aprile 2019

    MATERIALI IN SCENA 2019 : DIARI DI SCENA

    biglietto: 10 €
    CAVRIGLIA (AR) . Teatro Comunale
  • 30 aprile 2019

    FAR VIAGGIARE PENSIERI E IDEE

    Best Of di CHIARA CAPPELLI & ARLO BIGAZZI
    con LORENZO BOSCUCCI & MARCO FURELLI
    Reading concerto su testi di Vladimir Majakovskij, Pier Paolo Pasolini, Vittorio Locchi, Dino Campana
    LATERINA (AR) . Teatro Coimunale
  • 4 maggio 2019

    MATERIALI IN SCENA 2019 : ARTIMEDE TEATRO

    ”EARNEST” Liberamente tratto da “L’importanza di chiamarsi Ernest” di Oscar Wilde
    regia di Anna Ambrosio - ore 21.30 . biglietto: 10 €
    CAVRIGLIA (AR) . Teatro Comunale